Casco Viejo, cuore di Bilbao

di
Casco Viejo, Bilbao

Casco Viejo, Bilbao

Dedalo di sette antiche vie, il quartiere di Casco Viejo è il centro storico di Bilbao. Un intarsio prezioso che risale al 1300, periodo di fondazione della capitale dei Paesi Baschi. E che ancora oggi ne è il cuore.

Mentre lo cammino, ne respiro la storia e il profumo dei tanti negozi di alimentari che occupano il pian terreno dei vecchi palazzi: sono così stretti gli uni agli altri da rubarsi l’aria e il sole che filtra a stento.

Ogni tanto, una folata di vento muove i panni appesi su una corda distesa tra due finestre – stenditoio ardito per asciugare il bucato in cielo. Lo spazio è poco a Casco Viejo: quando fu realizzato, il quartiere era circondato da mura difensive.

Le case, costruite vicine per meglio proteggersi, erano divise solo da passaggi stretti e dalle famose sette vie che danno nome alla zona: Somera, la strada superiore, Artekale, quella di mezzo, Tendería, dei negozianti.

Poi c’era: Belostikale, la strada veloce, Carnicería Vieja, quella del vecchio macello, la Barrenkale, la più bassa, e in ultimo la Barrenkale Barrena, la via ancora più bassa. In realtà a Casco Viejo c’è un’ottava strada, la Ronda.

Si trova fuori dalle antiche mura. Al numero 16, il 26 settembre 1864 nacque lo scrittore Miguel de Unamuno. Vicino al Ponte de la Mercede, invece, il convento di San Giuseppe de la Naja, poi chiesa de la Mercede, ospita la sede di Bilborock.

Si tratta di un “teatro musicale della gioventù”. In questo antico edificio barocco si svolgono diversi eventi musicali, durante i quali possono esibirsi e farsi conoscere giovani emergenti.

L’interno di Casco Viejo è caratterizzato dal Museo Archeologico, Etnologico e Storico Basco, dalla Biblioteca Municipale di Bidebarrieta dalla chiesa di San Nicolás e Santos Juanese e dalla cattedrale di Bilbao.

Dedicata a Santiago, il patrono della città, è stata costruita su un tratto che porta alla celebre meta di pellegrinaggio. Un altro edificio religioso è San Anton. Edificato alla fine del XIV secolo sulle rovine del vecchio alcazar, conserva al suo interno una preziosa pala d’altare di Guiot de Beaugrant.

Mentre esco dal dedalo delle sette antiche vie di Casco Viejo, verso Plaza Mayor, ne vedo il profilo gotico. Vicino, c’è il Mercato coperto de la Ribera, costruito nel 1929 dall’architetto de Ispizua Bermeo y Susunaga. Prossima tappa del mio viaggio nel cuore di Bilbao.

Per approfondire:
Wikipedia

I commenti all'articolo "Casco Viejo, cuore di Bilbao"

Scrivi il tuo commento tramite

Loading Facebook Comments ...
Loading Disqus Comments ...