Case colorate di Girona, le casas penjades

di
Case colorate di Girona, le casas penjades © Jordan Lessona

Case colorate di Girona, le casas penjades © Jordan Lessona

Riflesso screziato nel fiume Onyar e tratteggio tenue contro il cielo, le case colorate di Girona sono emozione viva. In qualunque modo le guardi, in piedi sul ponte Eiffel, resto rapito da questo affresco reso vivido dal tramonto.

Costruite già nel medioevo, a ridosso del muro di cinta che delimitava uno dei quattro corsi d’acqua della città catalana, queste abitazioni vennero chiamate casas penjades proprio perché “pendenti” sulle sponde’.

Al tempo, e nei secoli a venire, nelle case colorate di Girona vivevano per lo più pescatori: gente umile, di poche pretese, dedita a una vita dura con nessun pensiero all’eleganza ma molto alla sostanza.

Anche per questo motivo, la zona venne considerata tra le peggiori della città. Poi, con l’abbattimento delle antiche mura, la percezione cambiò: l’orizzonte si aprì, le casas penjades vennero ristrutturate ed abbellite.

Il loro pastello variegato divenne tratto inconfondibile di questa parte della città, proprio a ridosso del rinomato centro storico. I ponti che superano il fiume e legano le due sponde sono un loggione splendido per ammirare le case colorate di Girona.

Quando il sole sorge o tramonta, i colori mutano con il suo mutare. E quando cade la pioggia sembra che nuova vernice scivoli sulle pareti a dare nuova vitalità alle casas penjades.

La notte poi, quando tutto è silenzio, e solo il fiume Onyar gorgoglia, il loro riflesso screziato scivola vie nelle acque lente. E le illumina di ricordi ed emozioni come quelle che lasciate a chi guarda le case colorate di Girona, ormai per tutti icona della città.

Per approfondire:
Wikipedia

I commenti all'articolo "Case colorate di Girona, le casas penjades"

Scrivi il tuo commento tramite

Loading Facebook Comments ...
Loading Disqus Comments ...