Cattedrale di Girona, chiesa di Santa Maria

di
Cattedrale di Girona © Jordan Lessona

Cattedrale di Girona © Jordan Lessona

Salendo uno a uno gli oltre cento gradini della scalinata, la cattedrale di Girona mi appare in tutta la sua imponenza: un unico blocco di pietre intarsiate danno forma alla facciata barocca mentre sul lato destro risalta il romanico della torre di Carlomagno.

Costruita nel XI secolo, sul punto più alto della città catalana, proprio dove una volta c’era una moschea e prima ancora un tempio romano, la chiesa di Santa Maria subì nel tempo diverse ristrutturazioni e cambio di stili sino a quello definitivo del XVII secolo.

Ma la bellezza della cattedrale di Girona si rivela tutta e soprattutto nella spaziosità del suo interno: un’unica navata gotica, la più grande d’Europa dopo quella di San Pietro, si alza per 35 metri e si tende per quasi 23.

Una delle cappelle nella Cattedrale di Girona © Jordan Lessona

Una delle cappelle nella Cattedrale di Girona © Jordan Lessona

Sull’altare maggiore della chiesa di Santa Maria, risalta il gran rosone dedicato a San Michele: risale al 1705 e fu voluto dal vescovo Miquel Potich che commissionò anche la scalinata barocca che ho salito prima.

A fianco di quello dell’Arcangelo, ci sono altri due rosoni minori del quindicesimo secolo: come le restanti vetrate della cattedrale di Girona, sono esempi dell’arte vetraria policroma più antica di tutta la Catalogna.

Mentre cammino l’immensità di Santa Maria, vedo le tante cappelle che la caratterizzano con opere d’arte uniche.

Tra loro, il baldacchino d’argento dell’altare maggiore. Si tratta di un vero e proprio capolavoro di oreficeria creato tra il 1320 e il 1358.

Andando oltre, nella cattedrale di Girona si trova poi il “Trono di Carlomagno”. Si tratta di una cattedra vescovile, realizzata con un blocco unico di alabastro nel 1038 che riempie lo sguardo di stupore.

Continuando il mio viaggio all’interno di Santa Maria, arrivo davanti al preziosissimo sarcofago del vescovo Berenguer d’Anglesola e dello scultore catalano Pere Oller che l’ha realizzato.

Poi, prima di lasciare la chiesa e andare a visitarne il chiostro e il museo, guardo un’ultima volta l’enorme navata gotica: con la sua gittata sottende la cattedrale di Girona e la innalza a Dio.

Per approfondire:
Wikipedia

I commenti all'articolo "Cattedrale di Girona, chiesa di Santa Maria"

Scrivi il tuo commento tramite

Loading Facebook Comments ...
Loading Disqus Comments ...